Gisèle Freund

fotografia, storia della fotografia, Uncategorized

Il mio ultimo acquisto, “Il mondo e il mio obiettivo” della fotografa Gisèle Freund.

Una lettura molto piacevole; la fotografa tedesca si racconta mostrandoci il panorama degli avvenimenti accaduti tra gli anni 40 e gli anni 80 circa.

Può essere considerata una pioniera del fotogiornalismo ed anche della fotografia a colori.

Come è mio solito fare voglio riportare il pensiero diretto dell’autrice su alcuni argomenti e concetti che più mi interessano.

Per la biografia vi rimando ad altre pagine tra cui Wikipedia, purtroppo presente solo in lingua inglese.

Gisèle-Freund

Gisèle Freund nelle prime pagine del libro fa un’analisi sul mondo della fotografia che da professione “per pochi” è diventata mezzo di espressione “per tutti”.

“Agli inizi della fotografia le difficoltà tecniche limitavano considerevolmente il numero dei professionisti. A quell’epoca la fotografia era circondata di mistero, con l’aura di una creazione artistica. In seguito, fu possibile a chiunque fare fotografie. Con la comparsa di apparecchi di piccolo formato, portatili ed a buon prezzo, i dilettanti cominciarono a diventare legioni. La macchina fotografica, come il bastone da passeggio, diventò la compagna indispensabile di ogni gita domenicale. Parallelamente a questa evoluzione tecnica, se ne verificò un’altra in campo artistico. I dilettanti diventarono temibili concorrenti per i professionisti, soprattutto in materia di ritratti……..I migliori ritratti dei primi decenni del novecento sono opera di dilettanti.”

Gisèle Freund fu una della prime fotografe ad utilizzare la pellicola a colori:

“Fu nel 1938 che scoprii la pellicola a colori. Era in commercio solo da poco tempo. La Kodak in America e l’ Agfa in Germania producevano una pellicola per piccolo formato che potevo usare con la mia Leica. Oggi milioni di dilettanti fanno foto a colori, ma allora questo procedimento era quasi sconosciuto. Gli stessi professionisti non lo utilizzavano perché, salvo rarissime eccezioni, giornali e riviste non possedevano, almeno in Francia, le attrezzature necessarie per la stampa a colori.”

Un’altro passo del libro molto interessante che ci offre spunto per una riflessione sul “valore” dell’opera fotografica ed artistica in generale è questo (parlando dell’incontro con l’artista messicano Diego Rivera):

“Un giorno gli feci visita nel suo studio a San Angel, alla periferia di Città del Messico. Aveva appena incominciato una tela che rappresentava una giovane donna.

GF: E’ splendida – gli dico quando mi dice che è finita.

GF: Vorrei comprarla.

DR: D’accordo, 10.000 pesos.

Rimango sbalordita.

GF: Come può chiedermi una cifra simile! L’ha realizzata in poco più di un’ora!

DR: Per poterla fare in un’ora mi ci sono voluti più di sessant’anni – mi risponde.”

 

 

 

Elliot Erwitt

fotografia, Uncategorized

In questo post vi riporto fedelmente alcuni estratti da un’intervista fatta al maestro Erwitt in cui ci parla di alcune sue fotografie.

Interessante da leggere per capire le dinamiche che si celano dietro alcuni famosi scatti.

110

“Lavoravo per la Westinghouse, dovevo fotografare dei frigoriferi, niente di più lontano da un confronto tra Est ed Ovest. Mentre ero a Mosca a fotografare frigoriferi  della Westinghouse a Gorky park è arrivato l’allora vice presidente Nixon in visita di stato e così mi sono accodato agli addetti stampa, ed ho avuto la fortuna di trovarmi nel posto giusto al momento giusto e di poter scattare una fotografia che poi è diventata famosissima. Un pò per i due soggetti, un pò per la guerra fredda, un pò per l’arroganza di Nixon e quella di Kruscev. C’erano tutti gli ingredienti giusti per la riuscita di quella fotografia, la fortuna è estremamente importante, è uno dei fattori più importanti.”

…..”In pubblico non si discutono gli affari di Stato, in pubblico, con i fotografi e tanta gente intorno, ci si mette in mostra. E’ il lavoro di tutti i politici, mettersi in mostra. Delle cose serie invece, generalmente, se ne parla a porte chiuse. Kruscev e Nixon si stavano semplicemente atteggiando davanti a chi era lì a guardare…. Per Nixon in particolare, che era molto ansioso di promuovere se stesso come colui che teneva a bada i russi, era molto importante farsi vedere risoluto. Per questo la foto di lui che punta il dito sul torace di Kruscev gli è stata molto utile specie durante la sua campagna presidenziale, che poi però ha perso.”

ERE1963064W00007/16A

“Quando il presidente Kennedy fu assassinato mi sono precipitato subito a Washington per coprire il funerale al meglio. Delle esequie ufficiali faceva parte anche la sepoltura al cimitero, in Virginia. Io ero in un’ottima posizione, vicino alla tomba, avevo un teleobiettivo ed ho scattato una foto piuttosto toccante della vedova e del fratello. La circostanza era così commovente che qualunque sua rappresentazione sarebbe stata già toccante, ma in questo caso specifico c’era un elemento nella fotografia che a volte sfugge eppure c’è: una lacrima incagliata sul velo della vedova, e questo secondo me fa della foto una cosa a se stante rispetto alle altre.”

1957_nyc16953_comp

“Ho avuto la fortuna di trovarmi in Unione Sovietica nel 1957 durante l’anniversario della cosiddetta rivoluzione di ottobre; in quell’occasione sono stati mostrati per la prima volta i missili intercontinentali, io sono riuscito a fotografarli sulla piazza rossa e quelle foto sono diventate uno scoop mondiale; mi sono subito reso conto della loro importanza e così ho sviluppato immediatamente  le foto in albergo, nella mia camera, perchè sapevo che in alcuni casi c’era il rischio che la pellicola si rovinasse se fosse passata al controllo bagagli. Ho chiamato subito per far sapere che avevo questa esclusiva, le mie erano le prime foto dei missili intercontinentali, era uno scoop; le foto hanno fatto il giro del mondo ed io sono diventato un eroe per un giorno, ma niente di più.”.

elliott-erwitt-marilyn-monroe-usa-new-york-1956-620x388

“Questa fotografia di Marilyn non è legata a nessun aneddoto in particolare; è stata scattata durante una seduta che abbiamo fatto mentre lei stava girando uno dei suoi film a New York; ero impegnato in un film nel cui cast c’era anche lei, si intitolava “Gli spostati”. In precedenza avevo lavorato in film nei quali c’era anche lei ed avevamo già fatto qualche sessione privata; era molto gentile con me, era una donna estremamente intelligente ed andavamo d’accordo. Avevamo fatto diverse sedute e la cosa straordinaria di Marilyn è che era praticamente impossibile farle una foto brutta. Direi che questa sua foto sia molto bella, ma non si era messa in posa, era rilassata e ci stavamo facendo due chiacchere; secondo me questo è il modo migliore per fotografare la gente, senza troppi fronzoli.”

 

Fonte: Contact, i fotografi Magnum.