Mostra di Henri Cartier Bresson

fotografia, storia della fotografia, Uncategorized

Dall’ 8 marzo al 17 giugno 2018, presso la mole Vanvitelliana in Ancona, c’è la mostra del grande maestro Henri Cartier Bresson.

Per maggiori info visitare il sito della mostra.

Un appuntamento da non perdere per tutti gli amanti della fotografia.

140 fotografie che ripercorrono la carriera del celebre fotografo francese.

Henri-Cartier-Bresson

 

Di famiglia benestante mostra da subito interesse verso il disegno e la pittura grazie anche allo zio Louis, un noto pittore dell’epoca.

L’amore per la fotografia sorge in seguito alla visione di una foto del fotografo ungherese Martin Munkacsi.

HCB: “è stata quella foto a dar fuoco alle polveri, a farmi venir voglia di guardare la realtà attraverso l’obiettivo“.

Numerose sono le frasi, che spesso vengono citate, di Bresson in tema didattico.

Il suo libro più noto “The decisive moment” viene definito da Robert Capa “la bibbia dei fotografi“.

Ecco alcune frasi tratte da questo testo e da alcune interviste che sintetizzano bene il pensiero dell’artista:

Fotografare è riconoscere nello stesso istante e in una frazione di secondo un evento e il rigoroso assetto delle forme percepite con lo sguardo che esprimono e significano tale evento. È porre sulla stessa linea di mira la mente, gli occhi e il cuore. È un modo di vivere.

„Si parla sempre troppo. Si usano troppe parole per non dire niente. La matita e la Leica sono silenziose.“

“La fotografia non è come la pittura. Vi è una frazione creativa di un secondo quando si scatta una foto. Il tuo occhio deve vedere una composizione o un’espressione che la vita stessa propone, e si deve saper intuire immediatamente quando premi il clic della fotocamera. Quello è il momento in cui il fotografo è creativo. Oop! Il momento! Una volta che te ne accorgi, è andato via per sempre.

“Quando mi interrogano sul ruolo del fotografo ai nostri tempi, sul potere dell’immagine, ecc. non mi va di lanciarmi in spiegazioni, so soltanto che le persone capaci di vedere sono rare quanto quelle capaci di ascoltare.”

“Proprio perché il nostro mestiere è aperto a tutti resta, nella sua allettante semplicità, molto difficile.”

“Per me la fotografia di reportage ha bisogno di un occhio, un dito, due gambe.”

“Le fotografie possono raggiungere l’eternità attraverso un solo momento.”

 

 

 

 

“Il pazzo” incontrato a Praga…

fotografia, storia della fotografia

Il titolo del post cita le parole del fotografo Ian Berry, l’unico fotografo straniero che riuscì ad entrare a Praga lo stesso giorno dei russi, quando iniziò la “primavera di Praga” nel 1968.

Riporto qui di seguito le parole dello stesso Berry tratte dal libro “Magnum” di Russel Miller:

I primissimi giorni mi sembrava di essere l’unico fotografo straniero nei paraggi e fotografavo di corsa, con un paio di Leica sotto il cappotto. Bisognava muoversi piuttosto in fretta perché se i russi ti vedevano scattare potevano anche spararti per intimidirti e darti la caccia finché non riuscivano a prenderti le macchine fotografiche. Tuttavia, se potevano, i cechi bloccavano la strada per aiutarti. 

L’unico fotografo che vidi oltre a me era un autentico pazzo, con due macchine antiquate intorno al collo ed una scatola di cartone sulle spalle: si avvicinava ai russi, si arrampicava sui loro carri armati e li fotografava alla luce del sole. La folla lo aiutava, si serrava attorno a lui circondandolo ogni volta che i russi cercavano di prendergli il rullino. Ebbi la sensazione che quel tizio fosse l’uomo più coraggioso in circolazione, oppure il più folle.”

Il pazzo incontrato da Berry era Josef Koudelka.

La cosa curiosa è che le foto che Koudelka scattò in quei drammatici giorni erano state fatte non con l’intenzione di essere divulgate ma semplicemente per se stesso. Fu una sua amica che inseguito mostrò le sue immagini al mondo.

koudelka-praga-2CZECHOSLOVAKIA. Prague. August 1968. Warsaw Pact tanks invade Prague.

Uno dei primi a visionare le straordinarie foto fatte da Koudelka fu Elliot Erwitt.

 

Huawei P9 e fotografia

fotografia, Uncategorized

edf

(P9  ISO 200, f/ 4,  1/35 sec.)

Può uno smartphone fare foto di qualità?

La mia risposta è sì.

cof

(P9 ISO50, f/ 2.2, 1/900 sec.)

Con questa affermazione non voglio dire che un telefonino può sostituire in tutto e per tutto una reflex od una mirrorless, ma si possono comunque ottenere dei risultati molto soddisfacenti.

Gli smartphone hanno dei limiti oggettivi invalicabili, almeno allo stato attuale della conoscenza tecnologico-scientifica.

Provate a mettere un sensore aps-c o full frame su di un telefono…mmmm.

Dove non arriva il sensore e l’obiettivo spesso ci provano a ridurre la distanza i software ed i processori di cui questi apparecchi sono dotati.

Huawei P9, di cui sono felice possessore, ha fatto passi da gigante nel migliorare la qualità fotografica dei nostri telefonini (Huawei non mi paga un centesimo per fare queste affermazioni!!).

Il P9 è dotato di una nuova tecnologia che implementa due fotocamere da 12 Mp che catturano immagini a colori e, separatamente, in bianco e nero.

Le ottiche sono marchiate Leica e sono il frutto di una collaborazione con Huawei.

Qual’è il vantaggio di avere due obiettivi e due sensori?

Il sensore monocromatico legge maggiori informazioni sulla luce e fornisce più dettagli in quanto privo del filtro Bayer di cui è invece dotato il sensore a colori.

Inoltre abbiamo un’apertura massima del diaframma a 2.2 che rende l’obiettivo molto luminoso.

La resa ad alti ISO è molto buona.

Altre caratteristiche che rendono il P9 un telefono molto performante dal punto di vista fotografico sono:

  • obiettivo 27mm f/2.2
  • autofocus laser
  • flash molto potente dual tone per migliorare la resa cromatica
  • menù ricco di modalità di scatto differenti
  • modalità pro in cui possiamo modificare alcuni parametri come ISO, tempi di esposizione, compensazione esposizione, misurazione modo di esposizione, bilanciamento del bianco.
  • presenza di 3 utili strumenti che ci aiutano nella composizione: griglia, livella e spirale di Fibonacci.
  • modalità profondità di campo in cui viene simulato l’effetto bokeh (post focus).

huawei-p9-fotografia-modalità-scatto-blog

Sopra: spirale di Fibonacci

huawei-p9-fotografia-modalità-scatto-blog-3

Sopra: modalità bokeh in azione.

huawei-p9-fotografia-pcaffeconpanna-blog.jpg

Qui sopra una foto scattata in modalità profondità di campo.

huawei-p9-fotografia-mccurry-blog.jpg

Sopra: mostra di Steve McCurry, Ancona.

Conclusione: Il Huawei P9 è un’ottimo telefono per chi ama la fotografia, consigliato!